Tutto nella vita incontra il suo momento certo

Tutto nella vita incontra il suo momento certo, l’ intensità adeguata,  affinché si possa realizzare.
Il mare, quando si innalza e si movimenta con forza, distrugge.
La stessa cosa accade quando il vento si addensa e corre molto veloce.
La pioggia, quando si pronuncia senza la calma della fontana placida, inonda.
Il sole, quando rialza la temperatura in modo difficile da sopportare, fa più male che bene.
Tutto in eccesso danneggia.

Anche questo vale per l’amore, per l’odio, per il dolore.
L’ amore in eccesso non offre più,  ma richiede insistentemente e in qualche modo la sua risposta.
L’ odio in eccesso acceca, altera, uccide, fa marcire e blocca le possibilità positive circondanti.
Il dolore, anche questo, ha bisogno dell’espressione giusta perché serva di lezione e sia producente.

La solitudine ci invita alla riflessione. Sappiamo viverla.

Il dolore ci invita alla verità. Sappiamo accettarlo.
L’ indifferenza altrui ci invita all’umiltà. Sappiamo sopportarla.
L’ apparente abbandono ci invita a provare la forza che esiste dentro di ognuno di noi. Sappiamo capirlo.

Solo nella misura giusta, riusciremo ad approfittare gli ostacoli che la vita ci offre. E, solo nella misura giusta, i nostri sentimenti, primitivi o evoluti che siano, e che portiamo dentro, serviranno veramente a costruire nei migliori dei modi l’ esperienza terrena e spirituale, che sia la nostra che sia quella del nostro prossimo.


E così sia.

26-02-2014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *