Coraggio della fede

“Poiché chiunque si vergognerà di me e delle mie parole, il Figlio dell’uomo si vergognerà di lui quando tornerà nella gloria sua e in quella del Padre e degli Angeli santi”.
(San Luca, Cap. IX, versetto 26).

Il coraggio delle proprie opinioni è sempre stato stimato fra gli uomini, perché è indubbiamente meritorio sfidare i pericoli, le persecuzioni, le contraddizioni e perfino i semplici sarcasmi ai quali si espone chi non teme di confessare idee che non sono quelle comuni. In questo, come in tutto, il merito è in proporzione delle circostanze e dell’importanza del risultato. E’ sempre debolezza indietreggiare di fronte alle conseguenze delle proprie opinioni, e rinnegarle, ma ci sono casi in cui la viltà è altrettanto grande quanto quella che fa fuggire al momento del combattimento.

Gesù bolla questa viltà dallo speciale punto di vista della sua dottrina, dicendo che se qualcuno arrossisce delle sue parole, egli arrossirà di lui, che rinnegherà colui che l’ha rinnegato e che colui che lo confesserà davanti agli uomini, egli lo riconoscerà davanti a suo Padre, che è nei cieli. In altri termini, coloro che hanno temuto di confessarsi discepoli della verità, non saranno degni di essere ammessi nel regno della verità. Perderanno il beneficio della loro fede, perché è una fede egoista, che essi conservano in se stessi, ma che nascondono per paura che essa porti loro pregiudizio in questo mondo. Invece coloro che, ponendo la verità al di sopra dei loro interessi materiali, la proclameranno apertamente, lavorano in pari tempo per l’avvenire loro e per quello degli altri.

Altrettanto accadrà agli adepti dello spiritismo, poiché la loro dottrina non è che lo sviluppo e l’applicazione di quella del Vangelo. Le parole di Cristo si rivolgono anche a loro. Essi seminano in terra ciò che raccoglieranno nella vita spirituale: e là coglieranno i frutti del loro coraggio o della loro debolezza.

(KARDEC, Il Vangelo Secondo lo Spiritismo, cap. XXIV)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *