La vita è breve e l’anima è vasta

La vita è breve e l’anima è vasta, direbbe il poeta dell’umanità, no?
Quindi. perché non comprendere com razionalità le fondamenta dell’allegria?
Perché i dubbi quando arriva la pace?
Perché il dubbio quando incontriamo la sofferenza?
Perché l’angoscia quando la nostra dimora viene distrutta?
E perché la paura davanti all’incognito, che non esiste?
Già non fu detto che la nostra patria è  altrove?
Già non fu detto che dolore, allegria e pace sono sensazioni que appartengono alla condizione umana?
Lui già non ci disse che sarebbe stato con noi fino alla fine dei tempi?

Le vicissitudini della vita sono brevi quanto breve è il passaggio su questo pianeta.
Anche questo pianeta procede per la sua evoluzione.
L’unica cosa che realmente importa è la vastità dell’anima.
Oltre che, in propria saggezza, abbraccia tutte le sensazioni di questo mondo con abnegazione e sicura allegria, nella certezza della ricchezza spirituale che si conquista nel lavoro di perfezionamento.

Niente dubbi.
Niente paure.
Niente tristezze.
Per rendere l’anima ogni volta sempre più ampia, assorbi dalla vita tutte le possibilità che questa ti possa offrire.
La vita asettica non porta da nessuna parte.
La vita tormentata è vita che insegna.
Ben diceva il poeta in un momento di contatto spirituale:
La vita è breve nei suoi dolori e nelle sue allegrie e conquiste.
E’ ampia l’anima che apprende, gioisce, nelle opportunità, diventando più brillante.

Che così sia.
 
(06/04/2014) 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *