II Vangelo in Famiglia e i bambini

La casa è la nostra prima scuola; qui nascono le nostre prime influenze, e qui influenziamo gli altri.  In base a questo, vogliamo dire che i bambini non solo possono, ma devono partecipare a queste riunioni; dobbiamo, però, fare attenzione ed evitare che si stanchino durante la riunione.

Nel caso, perciò, ci siano anche dei bambini il Vangelo dovrà essere adattato alla loro comprensione.  Compito degli adulti sarà quello di scoprire come arrivare ai loro cuoricini, utilizzando storie di facile linguaggio, facendo sì che la partecipazione dei bambini sia attiva, per farli sentire utili e importanti in questa fase della riunione famigliare. Si potrebbe lasciare a loro almeno una parte dello studio.

È indispensabile insegnare ai bambini come pregare, così impareranno a conversare con Gesù.  I bambini debbono capire che tutto quanto impareranno in questi incontri dovrà essere messo in pratica nel quotidiano con i loro compagni, fratelli ecc.  Tocca ai genitori usare buon senso e creatività perché la riunione raggiunga i suoi obiettivi.

Preghiera di Caritas

Fiori Midnight 3